Chimica prodotti ricostruzione unghie: l’importanza della combinazione tra lampade UV e gel UV.

Per svolgere al meglio il lavoro di onicotecnica non è sufficiente saper fare una buona struttura o delle graziose nail art, è anche necessario avere una buona preparazione teorica. Con questo articolo voglio aprire una nuova categoria di carattere un po’ più teorico: chimica prodotti ricostruzione unghie.

E voglio iniziare il primo articolo proponendoti una situazione:

“Hai fatto tirare fuori le mani dalla lampada alla tua cliente e ti sei accorta che il gel non si era ben asciugato”. Perché?

Questa è una delle situazioni che più volte vedo riproporsi nei forum in rete.

 

In base alla tua esperienza, a cosa penseresti immediatamente?

Sono sicura che la prima risposta che ti viene in mente sia che la cliente è rimasta mezza fuori, o ha inclinato la mano, o è andata troppo avanti e indietro perché scottava. E la seconda risposta (per chi ancora usa le lampade con bulbi) riguarda invece i bulbi da cambiare.

 

Beh, sicuramente entrambe le risposte potrebbero essere corrette, ma non sempre lo sono davvero.

 

Allora sei curiosa di scoprire perché a volte capita questo mistero? Ti assicuro che non c’è nessuna strega delle lampade, molto spesso è solo questione di chimica, e di fare la scelta giusta.

 

Spesso leggo che la mancata asciugatura capita con prodotti nuovi, magari di un marchio diverso da quello che si usa abitualmente, e infatti le persone chiedono consiglio sui tempi di asciugatura a chi già li utilizza, per aggiustare il tiro.

chimica prodotti ricostruzione unghie

chimica prodotti ricostruzione unghie

Ma ti sei mai chiesta come vengono progettate le lampade o i gel UV? Cosa li fa funzionare così bene assieme?

Ci sono moltissimi fattori che i costruttori di lampade UV e le aziende produttrici di prodotti per la ricostruzione devono tenere in considerazione quando formulano i loro gel e progettano le lampade.

 

Oggi non voglio confonderti con mille concetti teorici, fondamentali per il lavoro di onicotecnica ma troppo complessi per essere affrontati qui.

Anzi, per approfondire questo argomento ti consiglio di seguire il corso “La chimica dei prodotti per la ricostruzione unghie” che Noah Cosmetics ti propone, in modo da aggiungere un’ottima preparazione teorica al tuo percorso formativo pratico. Le clienti lo apprezzeranno molto e tu aumenterai i tuoi guadagni 😉

 

Ci tengo però a farti riflettere un po’ sulla giusta combinazione gel-lampada.

Sì perché ogni azienda cosmetica formula i suoi gel in base alla lampada che decide di abbinargli.

Chimica prodotti ricostruzione unghie: i fotoiniziatori

All’interno dei gel, oltre ai vari componenti (INCI) che se verrai al corso imparerai a riconoscere e sfruttare, ci sono anche i fotoiniziatori, dei speciali composti chimici che si attivano in presenza di luce UV e fanno partire la polimerizzazione (e quindi l’indurimento) del gel.

Di fotoiniziatori ne esistono tantissimi tipi, e ognuno “risponde” e inizia a lavorare solo in presenza della luce giusta, ovvero di quella luce UV che ha l’energia corretta, né più né meno, per farlo funzionare.

Chimica prodotti ricostruzione unghie: caratteristiche delle lampade UV

A questo punto ti sarai resa conto da sola che anche la lampada ha un ruolo fondamentale nell’asciugatura corretta del gel.

Deve emettere la luce UV con l’energia giusta, deve avere una forma corretta per far arrivare la luce in modo uniforme in ogni unghia della mano e deve essere progettata con le giuste distanze tra la mano e le sorgenti luminose affinché l’energia della luce non venga dispersa.

La cosa interessante è che una lampada studiata per una linea di prodotti potrebbe essere completamente non funzionale per un’altra linea.

Perciò, quando decidiamo di lavorare con un’azienda la scelta ottimale sarebbe quella di non usare solo i loro gel ma di abbinarli anche alla lampada con cui sono stati formulati, per avere davvero la massima resa durante il nostro lavoro.

 

Spero che questo articolo ti sia stato utile, stimoli la tua curiosità e se ti fa piacere condividilo pure… ma per favore non copiarlo!

Ti rinnovo anche l’invito a partecipare al corso “La chimica dei prodotti per la ricostruzione unghie” per approfondire questa e molte altre tematiche sulla chimica prodotti ricostruzione unghie.

PS: Se non vuoi perderti i prossimi articoli della rubrica “chimica prodotti ricostruzione unghie” iscriviti alla nostra newsletter nel box qui sotto! E se hai dubbi o curiosità lasciami pure un commento, risponderò il prima possibile 🙂

PPS: Per chi ancora non mi conosce, io sono Cinzia una biotecnologa appassionata di ricostruzione unghie. Dopo aver conseguito il master Nail Stylist e il master Nail Artist presso l’Accademia Noah Cosmetics ho deciso di sfruttare le mie competenze in ambito chimico e biologico per approfondire la mia conoscenza del mondo della ricostruzione da un punto di vista più teorico. E ora collaboro con Noah Cosmetics per mettere questa conoscenza a tua disposizione.

A presto!

Cinzia

Iscriviti alla nostra Newsletter!!
Un sacco di tutorial e segreti sulla ricostruzione unghie ti aspettano!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sign up to our newsletter!