Differenza tra igienizzazione, disinfezione e sterilizzazione

Qual è la Differenza tra igienizzazione, disinfezione e sterilizzazione?

Questa è una delle domande che spesso viene posta sia durante i corsi che sulle discussioni sui social network. Le risposte che si trovano a volte sono imprecise, ecco perché ho scelto di spiegare in maniera un po’ più approfondita la differenza tra igienizzazione, disinfezione e sterilizzazione.

IGIENIZZAZIONE

significa pulire gli strumenti,  questa operazione permette di rimuovere il 99% di agenti contaminanti. Dopo aver igienizzato è necessario sciacquare gli strumenti di lavoro per eliminare eventuali residui del detergente utilizzato.

La CONTAMINAZIONE è la presenza di una certa concentrazione di MICRO ORGANISMI PATOGENI su una superficie. Tra le caratteristiche degli agenti contaminanti vi è “l’esaurimento spontaneo”, questo significa che non sono in grado di moltiplicarsi e sopravvivono per poco tempo.

La procedura di disinfezione sarà vana senza senza quella dell’igienizzazione perché i disinfettanti potrebbero non riuscire ad oltrepassare la barriera rappresentata dallo sporco, grasso o olio.

DISINFEZIONE

significa eliminare al 99.9% gli agenti patogeni dagli attrezzi ed è un’operazione successiva all’igienizzazione degli stessi. La disinfezione è il processo attraverso cui i micro organismi patogeni presenti su una superficie vengono inattivati. Con superficie si intendono gli strumenti (come le punte fresa, i tronchesi e forbici, ecc.), il piano di lavoro, le attrezzature (come scoca lampada uv e fresa, lampada da tavolo, ecc.).

LIVELLI di DISINFEZIONE:

A seconda del principio attivo che viene utilizzato e del tempo impegato per il trattamento delle superfici, la disinfezione si differenzia in più livelli:

  1. LIVELLO ELEVATO: distrugge tutti i micro organismi salvo le spore batteriche in numero elevato. Deve essere utilizzato quando lo strumento non può essere sterilizzato.
  2. LIVELLO INTERMEDIO: distrugge la maggior parte dei virus e dei miceti (funghi), batteri in forma vegetativa e le spore batteriche. Viene utilizzata su superfici o oggetti contaminati da sangue o altro materiale organico.
  3. LIVELLO BASSO: distrugge la maggior parte dei batteri in forma vegetativa, solo alcuni virus e solo alcuni miceti. Va utilizzata per pulire a fondo zone in cui non si svolge l’attività vera e propria di onicotecnica, ad esempio per la sala di attesa.

È importante ricordare che tutti i disinfettanti utilizzati in modo improprio possono produrre effetti indesiderati.

l prodotto che Noah Cosmetics consiglia di utilizzare sono:

VIRCLEAN GOLMAR per gli strumenti sensibili all’alcol

NEOSTEXIDINA GOLMAR SPRAY E SALVIETTE per gli strumenti non sensibili all’alcol

DIFFERENZA TRA IGIENIZZAZIONE, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DIFFERENZA TRA IGIENIZZAZIONE, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

STERILIZZAZIONE

Il processo di sterilizzazione consiste nella COMPLETA DISTRUZIONE ed ELIMINAZIONE di tutti i micro organismi viventi di qualsiasi natura essi siano e sotto qualsiasi forma essi si presentino su una superficie. 

Nel campo dell’estetica, per ottenere questo risultato si consiglia l’uso o dell’AUTOCLAVE che emette vapore acqueo saturo sotto pressione o di STERILIZZATORI A FREDDO.

Il prodotto che Noah Cosmetics consiglia di utilizzare è il PERACETICO GOLMAR:

  • Peracetico è un preparato specifico per la sterilizzazione chimica a freddo di strumenti medicali chirurgici (invasivi e non).
  • Sterilizza in 10 minuti e disinfetta in 5 minuti.
  • G Peracetico (in polvere idrosolubile) è semplice e comodo da utilizzare ottenendo la sterilizzazione in tempi rapidi e senza particolari precauzioni o misure protettive.
  • Il prodotto una volta disciolto in acqua è efficace per 24 ore
  • Non rilascia fumi dannosi per l’operatore, non è irritante nè allergizzante e non richiede trattamenti per essere smaltito.
  • adatto a strumenti in acciao e in plastica
  • corrosivo delle leghe metalliche

 

 

Arrivati a questo punto spero di aver descritto con chiarezza la differenza tra igienizzazione, disinfezione e sterilizzazione.

Nel settore della ricostruzione delle unghie per ottenere una corretta pulizia  è sufficiente eseguire le prime due procedure ovvero quella di  igienizzazione e disinfezione sia degli strumenti che delle superfici di lavoro.

Per tutti gli strumenti che non possono essere immersi nella soluzione disinfettante, come ad esempio alcune tipologie di lime, c’è un’altra soluzione oltre all’igienizzazione delle stesse: la PERSONALIZZAZIONE.

Personalizzare alcuni strumenti è facile, poco costoso e sarà molto apprezzato dalle tue clienti! E’ una piccola attenzione in più che ti permetterà di distinguerti!

Organizzati con delle scatoline o delle buste e inserisci le lime, le lime cilindriche per la fresa,  il buffer, il bastoncino d’arancio per spingere le cuticole ecc. , scrivici sopra il nome della cliente, ogni volta che la riceverai utilizza questi strumenti e prima di riporli igienizzali.

Come sempre spero che questo articolo ti sia stato utile e se ti fa piacere condividilo pure…per favore non copiarlo!

Se ti va di affrontare qualche problematica specifica puoi scrivimi direttamente un messaggio privato all’indirizzo mail lorenza@noahcosmetics.com e provvederò ad elaborare una risposta che possa aiutare tutti.

PS: Se non vuoi perderti i prossimi articoli iscriviti alla nostra newsletter nel box qui sotto!

A presto!

Lorenza

Iscriviti alla nostra Newsletter!!
Un sacco di tutorial e segreti sulla ricostruzione unghie ti aspettano!

Commenti

2 commenti:

  1. Pingback:Preparazione dell'unghia naturale|Ricostruzione Unghie

  2. Maria Grazia

    Io so che esistono sterilizzato di a freddo, come la septaldeide. L’autoclave nn possono permettersela tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sign up to our newsletter!