Il giusto prezzo del refill alle unghie

Qual è il giusto prezzo del refill? Da cosa dipende il prezzo del refill?

Passate le 3 settimane sarebbe tempo di fare il refill ma la tua cliente ti dice che le sue unghie sono ancora belle e che aspetterà qualche giorno in più per fissare il prossimo appuntamento.

Non puoi di certo obbligare la tua cliente a venire metodicamente ogni 3 settimane (come invece dovrebbe fare per avere unghie sempre belle, intatte, senza un’eccessiva ricrescita che può provocare lo sbilanciamento della struttura dell’unghia, rotture ecc.) quindi non ti resta che annullarle e spostarle l’appuntamento in data da definirsi.

Quando ti chiamerà dovrai calcolare quando incastrarla e tra la scarsità di tempo di entrambe magari passano quasi 6 settimane…senza contare che adesso in agenda TU hai un buco di circa 2 ore che per te significa solamente una cosa:MANCATO INCASSO DEL PREZZO DEL REFILL.

All’appuntamento lei si presenta così:

Dalle 3 settimane, come previsto, sono passate 6 settimane.

Grazie agli ottimi prodotti per unghie che usi sembra quasi tutto  in ordine, poche cuticole, la forma ovviamente da correggere e ribilanciare, non ci sono sollevamenti che possono far pensare a strane sorprese (come ad esempio lo pseudomonas, quella brutta macchia verde che si vede spesso nelle foto sui social) e così arriva il momento di armarsi di fresa, punte e lime.

Una volta “smontate”, o meglio, una volta rimosso il colore ecco la sorpresa: Tutti i laterali danneggiati!

Si perché la tua abile cliente è riuscita a staccare la sua unghia naturale dal gel, se l’è strappata tutta senza rompere il rivestimento. Eppure tu l’unghia naturale l’avevi consumata per benino con le tue belle punte per la fresa proprio per evitare la separazione del gel dalle unghie!

Ma dopo 6 settimane quel mezzo centimetro di ricrescita te lo ritrovi anche sotto le unghie e per i denti è una pura delizia!

Va beh, adesso non ti resta che infilare 10 belle cartine e salvare il salvabile visto che sicuramente non se ne parla nemmeno di ricostruire da capo perché costerebbe di più rispetto al normale prezzo del refill!

E no! E’ qui che sta l’errore!!! Quale deve essere il giusto prezzo del refill?

Se con le buone non riesci a farti capire è ora di passare alle maniere, non forti, ma decise e risolute.

Se per fare un refill alla terza settimana ci metti dai 60 ai 90 minuti e ti fai pagare x €, mi spieghi perché se la cliente ti torna dopo 6 settimane costringendoti così a lavorare quasi il doppio del tempo (se non di più) il tuo prezzo dovrebbe rimanere lo stesso?

Secondo la logica se lavori il doppio, perché è passato il doppio del tempo consigliato dall’ultimo refill, e le unghie sono distrutte a causa dei dentini belli della tua cliente, e consumi il doppio dei prodotti…le chiedi ancora solo x€?

Ti prego non dirmi di si! Il giusto prezzo dovrebbe essere…indovina un po’…. IL DOPPIO!

Vuoi sapere perché la tua risposta dovrebbe essere: “CERTO CHE NO!”?

Te lo spiego nel prossimo articolo altrimenti ti tengo qui per altre 2 ore! Se non vuoi perderti la risposta a questa domanda iscriviti alla nostra newsletter qui sotto!

PS: se l’articolo ti è piaciuto condividilo pure con le tue amiche e colleghe dove preferisci ma per favore non copiarlo, ho dedicato del tempo anche per te 🙂

PPS: se hai qualche domanda o ti interessa un argomento particolare scrivimi pure nei commenti, provvederò a darti delle risposte in tempi brevi!

Ti aspetto!

Lorenza

4 commenti:

  1. Giusto!
    Io non aspetterei mai 6 settimane
    Anche perche ovviamente poi si sfasciano tutte

  2. maria cristina

    Concordo con te ma come fai a farlo capire alla cliente?

    • Ciao maria Cristina, te lo spiego nel prossimo articolo, intanto potresti condividere questo invitando le tue clienti (che sicuramente avrai tra le amicizie di facebook>) a leggerlo attentamente fino in fondo.

  3. Molto interessata da questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sign up to our newsletter!